15-11-18 • COMUNICATO STAMPA – L’agricoltura ci serve ancora e anche i contadini

10.11.2018

  altri articoli

L’agricoltura soffre per l’invecchiamento degli agricoltori e per la redditività sempre più limitata; pochi giovani decidono di rimanere nel settore e quei pochi che vorrebbero entrarci debbono superare ostacoli enormi per portare a compimento una scelta di vita che invece andrebbe premiata.

Chi fa la spesa nei supermercati – senza prestare attenzione alle etichette d’origine – non percepisce il problema, visto che si può sopperire facendo arrivare il cibo da altri Paesi e continenti, ma le conseguenze sulle economie locali, sull’ambiente e sulla qualità degli alimenti, invece, si sentono tutte.

“Noi di AIAB FVG, che l’agricoltura locale la viviamo quotidianamente – dichiara Massimo Ceccon, coordinatore dell’Associazione Italiana Agricoltura Biologica del Friuli Venezia Giulia – crediamo fortemente che quest’attività serva ancora, qui nei nostri paesi, e che ci servano ancora i contadini. Non solo per mangiare bene oggi, ma anche domani, e per fare in modo che anche negli altri Paesi del mondo uomini e donne possano mangiare e vivere in pace.

Ma i contadini non sono solo produttori di cibo, i contadini (quelli che vogliamo veder continuare il proprio lavoro) sono anche quelli che ci assicurano un ambiente sano e bello in cui vivere.

E visto che i contadini bravi ci servono ancora, così come l’agricoltura pulita, dobbiamo individuare e mettere in atto forme nuove di fruizione del cibo, che sappiano essere modelli innovativi e resilienti.”

Proprio di questo si parlerà sabato prossimo, il 17 novembre, a Monfalcone a partire dalle 15:00. Nello specifico avremo modo di comprendere come funziona e che condizioni costituiscano un prerequisito per l’Agricoltura Sostenuta dalla Comunità (in inglese CSA, Community Supported Agriculture), una forma di organizzazione che collega in modo virtuoso ma molto concreto la produzione agricola con il consumo dei prodotti che ne derivano. Essa si basa sull’alleanza fra chi produce il cibo e le persone che lo mangiano (e sono consapevoli e felici di tutto quello che l’attività agricola produce oltre al cibo). AIAB FVG da anni propone con il G.O.D.O. (Gruppo Organizzato di Domanda e Offerta) un modello di rapporto tra produttori e cittadini/consumatori, attraverso il cibo, diverso dall’usuale e anonimo, più consapevole e responsabile. Ma oltre al G.O.D.O. ci sono anche altri modelli ed è utile conoscerli e farsene ispirare.

L’incontro si svolgerà nell’ambito della “Piccola fiera dell’economia solidale” e vedrà lo scambio di esperienze e opinioni tra i rappresentanti di due CSA (Serra HUB di Trieste e Arvaia di Bologna) e di alcune associazioni e gruppi d’acquisto della Bassa friulana-Isontino.

Evento Facebook: https://bit.ly/2JUKcLz

• COMUNICATO

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi