Piccoli orti in famiglia: il compost casalingo 1

10.04.2020

  altri articoli

Il compost casalingo – prima parte

Di Daniela Peresson  – Articolo pubblicato su Il Piccolo del 26/03/2020

Tutte le persone che godono di un piccolo orto o giardino dovrebbero sentirsi in dovere, per motivi etici ed agricoli, di dedicare un piccolo spazio alla realizzazione del compost. Trasformare i propri scarti organici in “nuova, soffice e fertile terra” dovrebbe essere un obiettivo comune da perseguire, per ridurre il volume dei nostri rifiuti e per nutrire il terreno che poi nutrirà le piante.

In agricoltura biologica è necessario fertilizzare il terreno con prodotti organici: il famoso e ormai introvabile letame, lo stallatico acquistabile nei negozi di prodotti agricoli e, come detto, il compost di produzione casalinga.

Dedicare al compost un angolo del giardino andrà benissimo, meglio se un po’ ombreggiato da qualche pianta nelle vicinanze. Per la realizzazione si potrà utilizzare la classica compostiera di plastica (speriamo almeno da riciclo…), oppure creare un piccolo cumulo che verrà delimitato da bordi in legno o da mattoni in tufo ad esempio, o anche da una semplice e fitta rete. Necessario è il contatto diretto con il terreno, il compost è il risultato di processi di trasformazione attuati dagli organismi grandi e piccoli (lombrichi, insetti, funghi, batteri – soprattutto – e molti altri ancora…) che vivono e lavorano nel terreno.

È bene realizzare il compost su un terreno che sgrondi bene l’acqua; è controindicato, creare una buca nella quale iniziare l’accumulo, va benissimo porre i primi scarti direttamente sulla superficie del terreno, è proprio il terreno il miglior “starter”, nonostante tutti i consigli riguardo a sostanze da aggiungere al compost per accelerarne la produzione…

Il compostaggio è un processo naturale e perché avvenga nel migliore dei modi dobbiamo fornire ai suoi attori tutto ciò di cui hanno bisogno per vivere: aria, acqua e cibo cioè sostanze organiche, preferibilmente di origine vegetale. Infatti, affinché si formi l’humus, principale responsabile della fertilità del terreno, il materiale di partenza deve essere di origine vegetale.

Illustrazioni realizzate da Loreta Cogoi

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi