Piccoli orti in famiglia: Orto, riflessioni di fine inverno

11.02.2021

  altri articoli

Orto: riflessioni di fine inverno

Di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo

È arrivato febbraio, siamo ancora nel cuore dell’inverno. Ma a ben guardare, qualcosa di nuovo febbraio lo porta. Benché il gelo sia lo stesso, la luce è cambiata, nelle ore centrali della giornata il sole è tiepido e il colore del cielo si fa un po’ più celeste, la terra inizia a scaldarsi e le erbe a mandare un certo odore. C’è un abbozzo, una timida promessa di primavera.

La terra, nei campi lavorati prima dell’inverno e negli orti, è stata sbriciolata finemente dal gelo, le foglie secche dell’anno passato sono già parzialmente compostate. Il freddo e le piogge hanno lavorato per noi. Mentre osserviamo gli effetti dell’inverno e constatiamo che le giornate si sono ormai allungate prendiamo nota dei possibili lavori prima del risveglio: possiamo fare pulizia di rami secchi senza calpestare troppo le aiuole, possiamo costruire dei piccoli tunnel con archetti e teli di nailon per le imminenti semine protette. Possiamo progettare gli spazi per effettuare le opportune rotazioni delle colture, è buona norma cambiare tipo di ortaggi da un anno all’altro.


Verifichiamo la provvista di sementi, a metà o fine febbraio si possono già seminare rucola e spinaci e anche le fave che non hanno paura del freddo, per cui possiamo avventurarci in questa impresa. La fava infatti non ha bisogno di nulla, fiorisce in condizioni estreme e anche se non riuscirà a produrre molti baccelli ci sorprenderà per la bellezza e per il tenue profumo un po’ pepato dei suoi fiori. Mal che vada raccoglieremo qualche baccello e qualche seme da aggiungere alle insalate e ci ritroveremo l’aiuola ben fertilizzata. Infatti, come le altre leguminose, la fava ospita nelle sue radici, profonde e molto ramificate, colonie di batteri che fissano l’azoto. Fra batteri e fava vi è uno scambio di sostanze che giova ad entrambi e una volta concluso il ciclo vegetativo della pianta, l’azoto rimane nel terreno, pronto all’uso per una nuova coltura.

Insomma non facciamoci cogliere impreparati, il riposo sta per finire!

Illustrazione realizzate da Loretta Cogoi

Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Prima Puntata)

Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Prima Puntata)

di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo del 16/09/2022   Passeggiando lungo le strade di città o mentre siamo in coda al semaforo può capitare, alzando gli occhi verso un balcone o un terrazzo, di venire attratti da una macchia di colore o da una...

Piccoli orti in famiglia: Fragole (seconda puntata)

Piccoli orti in famiglia: Fragole (seconda puntata)

di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo del 19/08/2022 Riprendiamo la descrizione di come realizzare nell’orto o in giardino una piccola aiuola nella quale mettere a dimora delle piante di fragola. Ma quante? Ricordiamo che il primo anno una piantina può...

FORMAZIONE IN CAMPO – Visita In Azienda

FORMAZIONE IN CAMPO – Visita In Azienda

12 Ottobre 2022 Dalle ore 9:00 Presso l'Azienda Agricola "Ecoqua" via Paludo 20, Poincicco di Zoppola (PN) ORTICOLTURA BIOLOGICA Agronomia e mercato in un clima che cambia Incontro tecnico in azienda per approfondire gli aspetti agronomici ed economici...