Piccoli orti in famiglia: il cardo

25.02.2021

  altri articoli

Il cardo

Di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo

A coloro che continuano, anche in questo difficile periodo di passaggio fra inverno e primavera, a volersi nutrire di ortaggi che rispettano la stagione, ormai stanchi delle salutari crucifere, declinate in tutte le loro forme e varietà, e dei radicchi, bellissimi per colori, sapori, croccantezza e resistenza al freddo, ma pur sempre radicchi, consigliamo la conoscenza e l’assaggio degli ultimi cardi.

Appartenente alla famiglia delle crucifere, il cardo è una pianta molto vigorosa, parente del carciofo a cui lo accomuna il delicato sapore che però, nel cardo, tende all’amarognolo. È pianta perenne ma nell’orto la sua coltivazione è annuale: semina o meglio trapianto a primavera e raccolta della pianta intera per il consumo durante l’inverno.

La preparazione del terreno deve essere come sempre accurata, il cardo rifugge terreni troppo pesanti o dove si possano verificare ristagni idrici; una buona fertilità data dall’utilizzo di letame maturo, stallatico o pollina (tutti ammessi in agricoltura biologica) garantirà una rapida partenza e crescita delle piante.

Il cardo soffre le rigide temperature invernali, sarà bene quindi dedicargli una zona dell’orto ben riparata.

Durante la stagione estiva la pianta sviluppa un abbondante fogliame e in autunno può arrivare facilmente anche a superare l’altezza di 1 metro. A questo punto possiamo conservarla a fini ornamentali lasciandola in campo dove a primavera ci regalerà numerosi capolini di un intenso colore viola, visitatissimi dalle api. Se vogliamo invece utilizzarla come ortaggio è necessario “imbianchire” le coste avvolgendo il cespo con paglia, cartoni, tessuto non tessuto, operazione che, nel giro di qualche mese renderà le coste meno fibrose ed amare; la raccolta può protrarsi fino a fine inverno.

Questo ortaggio, facile da coltivare e spesso “trascurato” dagli orticoltori professionisti, può dare grande soddisfazione nei piccoli orti famigliari per il suo utilizzo nella preparazione di creme, primi piatti e contorni dal sapore delicato.

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi