Piccoli orti in famiglia: carciofi a primavera

8.04.2021

  altri articoli

Carciofi a primavera

Di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo

Ortaggi di particolare interesse sono quelli che possono trovare, oltre che in orto, anche unottima collocazione in giardino, a vantaggio di chi ritiene importante affiancare al piacere della vista, quello del gusto!

Il carciofo è una pianta di questo tipo, sviluppa unabbondante vegetazione con grandi foglie riunite in una rosetta basale, che possono raggiungere anche laltezza di un metro. La parte che utilizziamo in cucina è linfiorescenza, il capolino che, se non raccolto, sboccia in un meraviglioso fiore composto, vellutato al tatto,dallintenso colore violetto, visitatissimo dalle api e da altri insetti impollinatori.

Perché parlarne adesso? In questo periodo si stanno raccogliendo i carciofi locali dei pochi orticoltori che li coltivano nonostante la sensibilità della pianta al freddo, dal quale è bene proteggerla dinverno con paglia e tessuto non tessuto. Ben diversi dalle produzioni provenienti dalle regioni del CentroSud, disponibili dallautunno e per tutto linverno, i carciofi locali si raccolgono a primavera con il vantaggio, coltivandoli nellorto, di poterli degustare appena raccolti.

Ne parliamo in questo periodo anche perché le piantine, reperibili nei vivai, possono essere messe a dimora già nelle prossime settimane, in un luogo protetto e al riparo dalla boraUn terreno ricco di sostanza organica o la distribuzione di letame, compost o stallatico fornirà i nutrienti necessari ad una rapida crescita delle piante che andranno poste ad una distanza (tra le file e sulla fila) di circa 1 metro.

Il carciofo, grazie alla sua rusticità, ben si adatta alla coltivazione biologica; è una pianta perenne che per 6-7 anni può garantire un raccolto primaverile di 10-15 boccioli di diversa dimensione.

Ne consigliamo il consumo a crudo (marinati o in pinzimonio) o una leggera cottura al vapore per apprezzarne il delicato sapore; attenzione alla raccolta però, se troppo tardiva nel capolino si sviluppano lecosiddette barbe che ne riducono fortemente la qualità.

 

 

Convocazione assemblea annuale dei soci AIAB FVG

Convocazione assemblea annuale dei soci AIAB FVG

Convocazione assemblea annuale dei soci AIAB FVG Quest'anno potremo riconquistare almeno un po' del piacere di incontrarci di persona alla nostra assemblea annuale, che si terrà sabato 11 giugno 2022 alle ore 14:30 presso Villa di Toppo-Florio a Buttrio. Saremo ospiti...

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi