frutta e verdura a volontà!

24.06.2021

  altri articoli

Frutta e verdura a volontà!

Di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo

Allarrivo dellestate si assiste ad un rallentamento delle attività in orto e in giardino, ferma restando però la necessità di proseguire con la cura delle piante nelle irrigazioni e nelle raccolte.

Un rallentamento del nostro lavoro, in attesa dei trapianti degli ortaggi autunno-vernini e della sistemazione del giardino per le fioriture autunnali, ma non di certo dellattività vegeto/produttiva delle piante che in questo periodo va al massimo!

Complici il caldo, le vacanze, lesplosione delle produzioni estive con i loro sapori e colori o la consapevolezza che esiste una stagione giusta per consumare alcuni tipi di frutta e verdura, magari prodotti nella nostra Regione, siamo in questo periodo più attenti a quanto di vegetale portiamo a casa nella borsa della spesa.

Inoltre non possiamo ignorare il gran parlare di cambiamenti climatici, agricoltura sostenibile estrategia Farm to Fork di cui si discute spesso, siamo consumatori attenti e informati e quindi, che fare?

Piccoli ma significativi passi:

1. Fare lorto: significa trovare spazi e soprattutto tempo da dedicargli, significa fare movimento, stare allaria aperta, conoscere il vero sapore di alcuni ortaggi e, per chi ha bambini intorno, è un ottimo mezzo per far scoprire e appassionare a piante, fiori e frutti, allagricoltura, al cibo sano e alla natura le nuove generazioni che di questo Pianeta dovranno ben presto prendersi cura. 

2. Acquistare e mangiare frutta e verdura vera: un occhio ai banchi del supermercato basta per capire che solo la perfezione è in vendita, ma nei campi non tutto è perfetto; uniformità nelle dimensionie nelle caratteristiche non garantisce la qualità organolettica che spesso non cè. Evitiamo un brillante sacchetto di verdura pulita e lavata a vantaggio di un vero cespo di lattuga, con un po di terra intorno magari 

3. Sostenere gli agricoltori: acquistare in azienda significa conoscere, condividere, supportare un metodo di produzione; se ci preoccupa la salute dellambiente in cui viviamo e la qualità del cibo che mettiamo nel piatto, sostenere gli agricoltori biologici con lacquisto dei loro prodotti può essere un buon inizio. 

4. Il 2021 è lAnno della frutta e della verdura per la FAO Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, che ha scelto di dedicare il 2021 alla frutta e alla verdura per sottolineare i benefici dei vegetali sul nostro organismo, ma anche per migliorare la produzione alimentare rendendola più sana e sostenibile e ridurre le perdite e gli sprechi alimentari.

Festeggiarin qualche modo questa celebrazione è importante, la stagione è quella giusta!
Prepararsi all’imprevedibilità.

Prepararsi all’imprevedibilità.

Dalla puntata del 16 giugno 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Continuano le piogge ed è ormai conclamata un’altra stagione “anomala” per precipitazione...

Ancora ambrosia, ma non quella che ci piace.

Ancora ambrosia, ma non quella che ci piace.

Dalla puntata del 02 giugno 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Già qualche anno fa abbiamo affrontato il tema dell’ambrosia, non il nettare divino ma quella...