frutta e verdura a volontà!

24.06.2021

  altri articoli

Frutta e verdura a volontà!

Di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo

Allarrivo dellestate si assiste ad un rallentamento delle attività in orto e in giardino, ferma restando però la necessità di proseguire con la cura delle piante nelle irrigazioni e nelle raccolte.

Un rallentamento del nostro lavoro, in attesa dei trapianti degli ortaggi autunno-vernini e della sistemazione del giardino per le fioriture autunnali, ma non di certo dellattività vegeto/produttiva delle piante che in questo periodo va al massimo!

Complici il caldo, le vacanze, lesplosione delle produzioni estive con i loro sapori e colori o la consapevolezza che esiste una stagione giusta per consumare alcuni tipi di frutta e verdura, magari prodotti nella nostra Regione, siamo in questo periodo più attenti a quanto di vegetale portiamo a casa nella borsa della spesa.

Inoltre non possiamo ignorare il gran parlare di cambiamenti climatici, agricoltura sostenibile estrategia Farm to Fork di cui si discute spesso, siamo consumatori attenti e informati e quindi, che fare?

Piccoli ma significativi passi:

1. Fare lorto: significa trovare spazi e soprattutto tempo da dedicargli, significa fare movimento, stare allaria aperta, conoscere il vero sapore di alcuni ortaggi e, per chi ha bambini intorno, è un ottimo mezzo per far scoprire e appassionare a piante, fiori e frutti, allagricoltura, al cibo sano e alla natura le nuove generazioni che di questo Pianeta dovranno ben presto prendersi cura. 

2. Acquistare e mangiare frutta e verdura vera: un occhio ai banchi del supermercato basta per capire che solo la perfezione è in vendita, ma nei campi non tutto è perfetto; uniformità nelle dimensionie nelle caratteristiche non garantisce la qualità organolettica che spesso non cè. Evitiamo un brillante sacchetto di verdura pulita e lavata a vantaggio di un vero cespo di lattuga, con un po di terra intorno magari 

3. Sostenere gli agricoltori: acquistare in azienda significa conoscere, condividere, supportare un metodo di produzione; se ci preoccupa la salute dellambiente in cui viviamo e la qualità del cibo che mettiamo nel piatto, sostenere gli agricoltori biologici con lacquisto dei loro prodotti può essere un buon inizio. 

4. Il 2021 è lAnno della frutta e della verdura per la FAO Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, che ha scelto di dedicare il 2021 alla frutta e alla verdura per sottolineare i benefici dei vegetali sul nostro organismo, ma anche per migliorare la produzione alimentare rendendola più sana e sostenibile e ridurre le perdite e gli sprechi alimentari.

Festeggiarin qualche modo questa celebrazione è importante, la stagione è quella giusta!
ISMEA: FINANZIAMENTI AI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

ISMEA: FINANZIAMENTI AI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

ISMEA promuove nuovi interventi fondiari dedicati ai giovani tramite la Misura Generazione terra. La misura è finalizzata a favorire lo sviluppo e il consolidamento di superfici condotte nell’ambito di una attività imprenditoriale agricola o l’avvio di una nuova...

E’ L’ORA DI FAVE E LENTICCHIE!

E’ L’ORA DI FAVE E LENTICCHIE!

Dalla puntata del 29 gennaio 2023 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata.   Ok, basta transitare, proviamo a seminare. Che cosa? Legumi, ovviamente, visto che...