Piccoli orti in famiglia: trapianti per l’autunno

6.08.2021

  altri articoli

Trapianti per l’autunno

Di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo

Le piogge di questo periodo che hanno interessato e continuano ad interessare la nostra regione, hanno portato un piacevole abbassamento delle temperature, ma anche linterruzione del continuo lavoro di irrigazione dei campi per gli agricoltori o della semplice annaffiatura delle piante per gli orticoltori hobbisti.

È risaputo che la pioggia ha un effetto migliore sulle piante (per labbassamento termico che determina) rispetto a qualsiasi sistema irriguo, sia esso a pioggia (poco utilizzato sugli ortaggi in quanto la bagnatura fogliare favorisce lo sviluppo delle malattie fungine) o a goccia con lutilizzo di manichetteCondizioni climatiche più fresche possono permettere una piacevole ripresa dei lavori in orto ed anche un miglior attecchimento delle nuove piantine da porre a dimora.

È il momento infatti di iniziare i trapianti delle colture autunno vernine, cavoli, finocchi e radicchi per cominciare, ricordando che ogni orticola ha una ben nutrita serie di tipologie e varietà con periodi di crescita, maturazione e quindi raccolta ben diversi.

Come sempre il punto di partenza è la corretta preparazione del terreno che deve essere fatta per tempo, con condizioni di umidità tali da evitare una sua polverizzazione quando troppo secco (che porterebbe alla prima pioggia alla formazione di una impenetrabile crosta superficiale), o un eccessivo compattamento se troppo umido. Possono essere destinate ai trapianti autunnali le aiuole che hanno ospitato colture precoci come i piselli ad esempio, migliorano il terreno in quanto leguminose che nelle proprie radici ospitano batteri azotofissatori con cui vivono in simbiosi; le nuove piantine sapranno sfruttare bene, durante il loro ciclo vegetativo, la riserva di azoto lasciata in campo dalla coltura precedente.

In mancanza di colture miglioratrici precedenti si può intervenire con letame ben maturo, stallatico o compost se disponibile; ricordiamo che in agricoltura biologica il terreno viene occupato da una sola coltura nel corso dellanno, solitamente non si effettuano mai in successione ortaggi primaverili e autunnali ma lorticola viene preceduta o seguita da un sovescio cioè da una coltura non destinata al consumo ma, dopo interramento, al miglioramento della fertilità del terreno.

Nella scelta delle orticole è bene tener presente che per ogni tipologia esiste unampia gamma varietale in termini di caratteristiche e precocità (o meno) di maturazione. Suggeriamo inoltre di tenere in considerazione gli aspetti gustativi, lutilizzo in cucina e, perché no, i diversi e bellissimi colori che alcuni ortaggi autunno vernini assumono a maturazione che possono anche abbellire unaiuola del giardino o un vaso del terrazzo.

Ecco un bellelenco per famiglia di appartenenza.

Brassicacee: cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolo broccolo, cavolo nero, cavolo riccio e verza.

Composite: lattughe varie per raccolte di inizio autunno; radicchio di Chioggia, radicchio di Treviso precoce e variegati di diverso tipo;

e se ancora rimane spazio disponibile in orto, sedano e finocchi!

Convocazione assemblea annuale dei soci AIAB FVG

Convocazione assemblea annuale dei soci AIAB FVG

Convocazione assemblea annuale dei soci AIAB FVG Quest'anno potremo riconquistare almeno un po' del piacere di incontrarci di persona alla nostra assemblea annuale, che si terrà sabato 11 giugno 2022 alle ore 14:30 presso Villa di Toppo-Florio a Buttrio. Saremo ospiti...

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi