Piccoli orti in famiglia: cambio di stagione

1.10.2021

  altri articoli

Cambio di stagione

Di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo

In questi tempi di cambiamento climatico e riscaldamento globale, la temperatura non è più un indice affidabile per capire se siamo entrati nel periodo autunnale. A volte il cielo è coperto e la luce è smorzata, un accenno di foschia o una leggera nebbiolina ci fanno provare l’antica malinconia che, puntualmente ogni anno, ci traghetta verso l’inverno. Come per magia, solo pochi minuti più tardi, il sole si fa spazio fra le nuvole grigie e ci fa capire che lui è sempre lì, ancora caldo, troppo caldo per essere autunno Poi nel pomeriggio inoltrato, ci accorgiamo che la giornata volge alla fine, la luce è quella prevista dal calendario eappena il sole riduce pian piano la sua forza, comprendiamo che l’autunno è ormai arrivato.

Durante l’estate abbiamo raccolto e trasformato le verdure dellorto, curato fiori e piante del giardino e del balcone, falciato il prato e dato acqua, irrigato, annaffiato, il tutto sempre al mattino presto o di sera tardi per il bene delle piante e per noi, per approfittare dei brevi momenti di frescura. Ora che non siamo più perseguitati dal gran caldo vaghiamo però un po’ incerti sul da farsi:

fa troppo caldo per è troppo tardi per… è troppo presto per…

Si potrebbe pensare che la temperatura di queste giornate potrebbe essere un aiuto per protrarre le colture estive fino a fine autunno o per ancora nuove semine. Notiamo invece che i nostri ortaggi non si lasciano influenzare troppo, le zucchine sono a fine corsa, hanno perso l’esuberanza che permetteva loro di produrre fiori, frutti e foglie a ritmo instancabile, i pomodori da settimane ormai sono senza vigore, i frutti pendono e non diventano rossi, passano dal verde al rosa lentissimamente, buoni solo per il compostaggio. Lo stesso accade a melanzane e peperoni, insomma l’orto sì, lo sa che ormai è arrivato lautunno! Anche i davanzali fioriti sono in sofferenza, le petunie sono esauste e i gerani sfiancati dal caldo riprendono un po’ di tono ma stentano a fiorire, i segni dell’estate sono ben visibili.

Adesso occorre avere pazienza, lasciamo che le nostre piante, dellorto o del giardino concludano il loro ciclo, aspettiamo almeno ottobre per esporre i ciclamini o le eriche sui nostri balconi. Questi sono mesi di transizione, di transizione paziente verso l’inverno che arriverà e che speriamo porti freddo e neve, come un vero inverno!

 

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi