Piccoli orti in famiglia: zucche che passione!

16.10.2021

  altri articoli

Zucche che passione!

Di Andrea Giubilato Articolo pubblicato su Il Piccolo

La zucca è uno tra i frutti che segnano l’arrivo dell’autunno e il ritorno, concluso il caldo estivo, del piacere al lavoro in cucina e a tutte le preparazioni a cui questo ortaggio con fantasia si presta: creme, risotti, gnocchi, tortelli o la semplicissima cottura al forno. In passato, quando ancora non esistevano tutte le proposte zuccherine confezionate che riempiono oggi gli scaffali del supermercato, la zucca cotta e tagliata a pezzi veniva venduta per strada nelle grandi città, prelibatezza per poveri in ottima salute.

La zucca d’inverno prende il posto delle zucchine estive e la troveremo sicuramente in vendita al mercato locale dei produttori, per tutto l’inverno. Le forme e le tipologie sono molteplici e un occhio esperto riesce anche ad indovinare la specie a cui il frutto esposto sul banchetto appartiene.

La classica “suca baruca” di origine Chioggiotta appartiene al genere Cucurbita, specie maxima; quelle che le assomigliano per alcune caratteristiche quali il frutto più lungo che largo, peduncolo cilindrico dal tessuto simile al sughero grezzo, sono sorelle e appartengono alla stessa specie. La buccia può essere liscia o con le “baruche” (verruche gibbose che la ricoprono), di colore verde, grigio-arancione, giallo o rosso.

Di altro tipo è la Cucurbita moschata che ha un frutto allungato, cilindrico, a volte clavato o ricurvo, con un peduncolo angoloso della consistenza del legno.  La buccia, liscia o con gobbe, presenta colori differenti: gialla, arancione, rossa, ocra o con striature e macchie creative.

Ora oltre ad esprimere la nostra vanità, quando andiamo a comperare una zucca chiamandola con il suo nome latino, possiamo collaborare con il produttore manifestando le nostre preferenze riguardo alle diverse tipologie.

I caratteri che le contraddistinguono si possono così riassumere: colore della buccia e della polpa e resistenza al taglio, consistenza interna, grado di dolcezza e versatilità culinaria.

Conclusa la relazione organolettica, al produttore potremmo richiedere che si auto produca il seme della zucca che più ci piace, meglio se una varietà del luogo e se ci piacciono più caratteri, rappresentati spesso da varietà differenti, chiediamogli di diversificare la coltivazione, perché è nella diversità che risiedono sapori e usi culinari infiniti; collaboreremo in questo modo a favore della diversità coltivata.

Se ci sta stretto poi l’essere solo consumatori, possiamo trasformarci in selezionatori. Invece di buttare i semi li possiamo raccogliere, lavare e asciugare, conservandoli poi per tutto l’inverno dentro a dei sacchettini di carta o di cotone all’asciutto, pronti per essere consegnati a primavera al produttore che provvederà, nel mese di aprile, alla semina per offrirci i nuovi frutti ad ottobre.

Da consumatori attenti alla propria salute, possiamo però anche tostarne una parte in forno e mangiarceli, sembra che le zucche selvatiche prima di essere addomesticate (coltivate) fossero amarognole e nel neolitico sia iniziata la loro coltivazione al solo scopo di mangiarne i semi.

 

 

Dopo Glasgow, segni di vita dall’Unione

Dopo Glasgow, segni di vita dall’Unione

Dalla puntata del 21 novembre 2021 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Ancora con l’amaro in bocca per il “poco di fatto” di COP26, leggiamo con piacevole...

Il biologico incontra la finanza etica

Il biologico incontra la finanza etica

Programma: Accoglienza partecipanti Saluti di benvenuto da parte della Fondazione Villa Russiz Introduzione a cura di: - Cristina Micheloni - Presidente AIAB Friuli Venezia Giulia - Anna Fasano - Presidente di Banca Etica - Enrico Trevisiol - Responsabile della...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi