zucche che passione!

16.10.2021

  altri articoli

Zucche che passione!

Di Andrea Giubilato Articolo pubblicato su Il Piccolo

La zucca è uno tra i frutti che segnano l’arrivo dell’autunno e il ritorno, concluso il caldo estivo, del piacere al lavoro in cucina e a tutte le preparazioni a cui questo ortaggio con fantasia si presta: creme, risotti, gnocchi, tortelli o la semplicissima cottura al forno. In passato, quando ancora non esistevano tutte le proposte zuccherine confezionate che riempiono oggi gli scaffali del supermercato, la zucca cotta e tagliata a pezzi veniva venduta per strada nelle grandi città, prelibatezza per poveri in ottima salute.

La zucca d’inverno prende il posto delle zucchine estive e la troveremo sicuramente in vendita al mercato locale dei produttori, per tutto l’inverno. Le forme e le tipologie sono molteplici e un occhio esperto riesce anche ad indovinare la specie a cui il frutto esposto sul banchetto appartiene.

La classica “suca baruca” di origine Chioggiotta appartiene al genere Cucurbita, specie maxima; quelle che le assomigliano per alcune caratteristiche quali il frutto più lungo che largo, peduncolo cilindrico dal tessuto simile al sughero grezzo, sono sorelle e appartengono alla stessa specie. La buccia può essere liscia o con le “baruche” (verruche gibbose che la ricoprono), di colore verde, grigio-arancione, giallo o rosso.

Di altro tipo è la Cucurbita moschata che ha un frutto allungato, cilindrico, a volte clavato o ricurvo, con un peduncolo angoloso della consistenza del legno.  La buccia, liscia o con gobbe, presenta colori differenti: gialla, arancione, rossa, ocra o con striature e macchie creative.

Ora oltre ad esprimere la nostra vanità, quando andiamo a comperare una zucca chiamandola con il suo nome latino, possiamo collaborare con il produttore manifestando le nostre preferenze riguardo alle diverse tipologie.

I caratteri che le contraddistinguono si possono così riassumere: colore della buccia e della polpa e resistenza al taglio, consistenza interna, grado di dolcezza e versatilità culinaria.

Conclusa la relazione organolettica, al produttore potremmo richiedere che si auto produca il seme della zucca che più ci piace, meglio se una varietà del luogo e se ci piacciono più caratteri, rappresentati spesso da varietà differenti, chiediamogli di diversificare la coltivazione, perché è nella diversità che risiedono sapori e usi culinari infiniti; collaboreremo in questo modo a favore della diversità coltivata.

Se ci sta stretto poi l’essere solo consumatori, possiamo trasformarci in selezionatori. Invece di buttare i semi li possiamo raccogliere, lavare e asciugare, conservandoli poi per tutto l’inverno dentro a dei sacchettini di carta o di cotone all’asciutto, pronti per essere consegnati a primavera al produttore che provvederà, nel mese di aprile, alla semina per offrirci i nuovi frutti ad ottobre.

Da consumatori attenti alla propria salute, possiamo però anche tostarne una parte in forno e mangiarceli, sembra che le zucche selvatiche prima di essere addomesticate (coltivate) fossero amarognole e nel neolitico sia iniziata la loro coltivazione al solo scopo di mangiarne i semi.

 

 

ISMEA: FINANZIAMENTI AI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

ISMEA: FINANZIAMENTI AI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

ISMEA promuove nuovi interventi fondiari dedicati ai giovani tramite la Misura Generazione terra. La misura è finalizzata a favorire lo sviluppo e il consolidamento di superfici condotte nell’ambito di una attività imprenditoriale agricola o l’avvio di una nuova...

E’ L’ORA DI FAVE E LENTICCHIE!

E’ L’ORA DI FAVE E LENTICCHIE!

Dalla puntata del 29 gennaio 2023 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata.   Ok, basta transitare, proviamo a seminare. Che cosa? Legumi, ovviamente, visto che...