Piccoli orti in famiglia: orticoltura invernale inconsueta

22.01.2022

  altri articoli

Orticoltura invernale inconsueta

Di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo

È ancora inverno e di mettere praticamente mano nell’orto non se ne parla nemmeno. Se abbiamo finito i progetti e la programmazione per le prossime colture, se abbiamo terminato i lavoretti di riordino, di compostaggio, pulizia attrezzi e manutenzioni varie, se siamo in casa col magone perché piove, o cè nebbia o fa freddissimo e la nostra terra è gelata, urge inventarsi qualcosa!

Qualcosa che abbia a che fare col nostro pollice verde, che interessi anche i bambini di casa, qualcosa di semplice e naturale: piantare un seme.

Piantare un seme, una piantina, un bulbo, una talea, qualsiasi cosa che “spunti”.

Prima di precipitarci al centro commerciale, sempre aperto e pieno di gente annoiata, proviamo a rovistare in cantina, nella dispensa o nel frigorifero, e cerchiamo “qualcosa” che faccia al caso nostro.

Sicuramente troveremo un bulbo d’aglio dimenticato, un po’ giallastro ma con qualche spicchio dotato di un bel germoglio verde. Un vecchio bicchiere o un bel barattolo di vetro saranno un ottimo contenitore per sorvegliare la crescita della nuova piantina. Riempito il bicchiere a metà con una manciata di terra, anche quella del geranio che destate ha dato il meglio di ma è ormai defunto, con un dito scaviamo un buchetto grande tanto quanto il nostro spicchio e profondo il doppio, posizioniamo il bulbillo e risvegliamolo con qualche cucchiaiata d’acqua.

Questo esperimento casalingo non produrrà una vera pianta e tanto meno una vera “testa” d’aglio, ma ci permetterà di esercitarci un po’, i bambini osserveranno ogni giorno lo sviluppo delle radici e le due foglioline verdi faranno allegria.

Se siamo normali consumatori di zenzero o curcuma, possiamo destinare una radice, che si chiama rizoma, ad un altro esperimento. L’unica accortezza è scegliere una parte di rizoma che abbia qualche germoglio, cioè un capolino lucido e liscio che prometta lo spuntare di una foglia. Per questo esperimento ci sarà bisogno di un contenitore più capace, comunque basteranno poche manciate di terra, lo zenzero o la curcuma produrranno una bella piantina dalle foglie sferiche e acuminate, non aspettiamoci di più, nei loro paesi di origine e nelle serre riscaldate riescono a fiorire, in casa nostra sopravviveranno fino a primavera, quando finalmente si potrà tornare all’aperto per esprimere il nostro pollice verde direttamente nellorto!

 

 

Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Prima Puntata)

Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Prima Puntata)

di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo del 16/09/2022   Passeggiando lungo le strade di città o mentre siamo in coda al semaforo può capitare, alzando gli occhi verso un balcone o un terrazzo, di venire attratti da una macchia di colore o da una...

Piccoli orti in famiglia: Fragole (seconda puntata)

Piccoli orti in famiglia: Fragole (seconda puntata)

di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo del 19/08/2022 Riprendiamo la descrizione di come realizzare nell’orto o in giardino una piccola aiuola nella quale mettere a dimora delle piante di fragola. Ma quante? Ricordiamo che il primo anno una piantina può...

FORMAZIONE IN CAMPO – Visita In Azienda

FORMAZIONE IN CAMPO – Visita In Azienda

12 Ottobre 2022 Dalle ore 9:00 Presso l'Azienda Agricola "Ecoqua" via Paludo 20, Poincicco di Zoppola (PN) ORTICOLTURA BIOLOGICA Agronomia e mercato in un clima che cambia Incontro tecnico in azienda per approfondire gli aspetti agronomici ed economici...