Piccoli orti in famiglia: orticoltura invernale inconsueta

22.01.2022

  altri articoli

Orticoltura invernale inconsueta

Di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo

È ancora inverno e di mettere praticamente mano nell’orto non se ne parla nemmeno. Se abbiamo finito i progetti e la programmazione per le prossime colture, se abbiamo terminato i lavoretti di riordino, di compostaggio, pulizia attrezzi e manutenzioni varie, se siamo in casa col magone perché piove, o cè nebbia o fa freddissimo e la nostra terra è gelata, urge inventarsi qualcosa!

Qualcosa che abbia a che fare col nostro pollice verde, che interessi anche i bambini di casa, qualcosa di semplice e naturale: piantare un seme.

Piantare un seme, una piantina, un bulbo, una talea, qualsiasi cosa che “spunti”.

Prima di precipitarci al centro commerciale, sempre aperto e pieno di gente annoiata, proviamo a rovistare in cantina, nella dispensa o nel frigorifero, e cerchiamo “qualcosa” che faccia al caso nostro.

Sicuramente troveremo un bulbo d’aglio dimenticato, un po’ giallastro ma con qualche spicchio dotato di un bel germoglio verde. Un vecchio bicchiere o un bel barattolo di vetro saranno un ottimo contenitore per sorvegliare la crescita della nuova piantina. Riempito il bicchiere a metà con una manciata di terra, anche quella del geranio che destate ha dato il meglio di ma è ormai defunto, con un dito scaviamo un buchetto grande tanto quanto il nostro spicchio e profondo il doppio, posizioniamo il bulbillo e risvegliamolo con qualche cucchiaiata d’acqua.

Questo esperimento casalingo non produrrà una vera pianta e tanto meno una vera “testa” d’aglio, ma ci permetterà di esercitarci un po’, i bambini osserveranno ogni giorno lo sviluppo delle radici e le due foglioline verdi faranno allegria.

Se siamo normali consumatori di zenzero o curcuma, possiamo destinare una radice, che si chiama rizoma, ad un altro esperimento. L’unica accortezza è scegliere una parte di rizoma che abbia qualche germoglio, cioè un capolino lucido e liscio che prometta lo spuntare di una foglia. Per questo esperimento ci sarà bisogno di un contenitore più capace, comunque basteranno poche manciate di terra, lo zenzero o la curcuma produrranno una bella piantina dalle foglie sferiche e acuminate, non aspettiamoci di più, nei loro paesi di origine e nelle serre riscaldate riescono a fiorire, in casa nostra sopravviveranno fino a primavera, quando finalmente si potrà tornare all’aperto per esprimere il nostro pollice verde direttamente nellorto!

 

 

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi