Il dolce del bio

31.01.2022

  altri articoli

Dalla puntata del 30 gennaio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l’intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l’intera puntata del programma.

Negli ultimi 3 anni si è aperta anche in Italia la possibilità di coltivare e valorizzare nel biologico le barbabietole da zucchero. Questo perchè l’unica filiera saccarifera italiana “sopravvissuta” alla ristrutturazione del settore ha attivato una linea di prodotto biologico, con trasformazione della materia prima nazionale.
La nostra regione in passato aveva un settore bieticolo (convenzionale) sviluppato che però negli anni si è praticamente estinto, perdendo sia competenze che meccanizzazione. Ora alcuni agricoltori bio ci stanno riprovando, dovendo recuperare parte delle esperienze e competenze dissipate ma anche cimentandosi con il metodo biologico che impone dei ripensamenti profondi nella gestione delle rotazioni, nella fertilizzazione, nella gestione di patogeni e parassiti e… nota di particolare criticità, la gestione non chimica delle infestanti.
E infatti quello che risulta essere il principale fattore di difficoltà è proprio tenere pulita la coltura, che per sua natura non è mai competitiva nei confronti delle malerbe, tant’è che non copre la superfice dell’interfila nemmeno a pieno sviluppo.
Che fare allora?
Ovvio che senza le misure preventive quali la rotazione con magari l’inclusione di sovesci con particolare attività soppressiva nei confronti delle infestanti (come un sorgo sudanese) e la preparazione del letto di semina in modo tale da portare il terreno a un ottimo livello di pulizia, non se ne parla proprio di farcela.
La stagione della semina non consente di fare delle false semine e quindi ci rimangono solo gli strumenti meccanici come la strigliatura nelle prime fasi e la sarchiatura in seguito. In realtà ci sono anche i primi risultati dell’adattamento di alcune macchine nate per l’orticoltura, che con qualche modifica possono tornare utili anche qui. Si tratta di sarchiatrici a coltelli o lame verticali, guidate da videocamere che hanno il compito di riconosce le malerbe rispetto alla barbabietola, cosa che però al momento, ovvero allo stato attuale dello sviluppo tecnologico, non è proprio semplicissimo, ma lascia ben sperare.
Un’altra opzione, su cui alcuni ricercatori svizzeri stanno lavorando avendo tratto ispirazione dalla pratica giapponese, è trapiantare le barbabietole invece che seminarle, cosa che si può fare, ad esempio, con una trapiantatrice da tabacco. I pro sono un rapido sviluppo iniziale, che permette un bel vantaggio sulle malerbe, ma anche un minore rischio legato alle limacce e all’altica e, non da ultimo, un ciclo di coltivazione di 6-8 settimane più lungo, cosa che consente di ottenere maggiori produzioni, visto che la barbabietola bio è la prima ad essere raccolta per motivi di logistica della lavorazione.
Ovvio che i costi d’impianto sono ben più alti, ma se ciò fosse controbilanciato da minori interventi per il controllo malerbe, miglior status fitosanitario delle piante e maggior resa….
Ne varrebbe la pena!
Per saperne di più:
confronto tra diverse attrezzature per il controllo meccanico delle infestanti: https://organic-farmknowledge.org/it/tool/42918
esperienza nel trapianto della barbabietola: https://organic-farmknowledge.org/it/tool/42921

 

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi