gli ultimi ortaggi

24.02.2022

  altri articoli

Gli ultimi ortaggi

Di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo

È questo un periodo difficile per coloro che vogliono, con regolarità, portare in tavola due o tre verdure diverse, rigorosamente di stagione, di produzione regionale e meglio se bio, a vantaggio della propria salute.

Se siamo consumatori attenti che considerano non solo la qualità dei prodotti, ma anche il loro costo ambientale, e rifiutiamo ortaggi che stazionano da mesi in cella frigo, che crescono in serre super tecnologiche o che hanno girato mezzo mondo per arrivare fino a noi, in questi ultimi mesi d’inverno ci restano ancora a disposizione i colorati radicchi e alcuni rappresentanti della importante famiglia dei cavoli!

Non dimenticando le particolari caratteristiche di salubrità di quest’ultime orticole, la scelta cadrà sulle tipologie più resistenti al freddo, e che quindi sono ancora presenti in campo, o dalle caratteristiche più particolari.

Della famiglia delle Crucifere, a cui appartengono tutti i cavoli, ricordiamo l’elevato contenuto in vitamina C, vitamina A, vitamine del gruppo B; tra i sali minerali potassio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, zolfo e anche selenio; ricchi in fibre, contengono fino al 6-7% di proteine vegetali e un’elevata quantità di carotenoidi e flavonoidi ad azione antiossidante.

Quali consumare in questi mesi?

I cavolfiori ancora in campo sono quelli dal ciclo vegetativo più lungo che presentano numerose foglie che ricoprono e proteggono dal freddo l’infiorescenza globosa e compatta; le verze, sia quelle con foglie bollose dal colore verde scuro che quelle con foglie sottili di colore giallo nella parte centrale della “testae verde o rosso-violaceo esternamente, sono resistenti al freddo e ottime anche tagliate sottili e consumate crude (preservando in questo modo la vitamina C che la cottura distrugge). Dallo sviluppo vegetativo ben diverso dagli altri cavoli e ancora produttivo in questo periodo è il cavolo di Bruxelles, di cui mangiamo i piccoli germogli globosi che si formano lungo il fusto.

Non possiamo dimenticare il cappuccio rosso, capace di resistere al freddo e durare molto a lungo, caratteristico il suo intenso colore dovuto all’elevato contenuto di antociani, pigmenti che agiscono rallentando l’invecchiamento cellulare. In cucina è il suo colore e la compattezza della testa globosa che piace…lo si può consumare crudo conservandone i preziosi nutrienti o ne consigliamo l’unione con i fagioli in un sostanzioso minestrone dal fantastico colore viola.

A lettura ultimata, si prega di non rivolgersi al fruttivendolo di quartiere per l’acquisto di insipidi pomodori olandesi, non contengono alcun tipo di vitamine, a differenza delle nostrane Crucifere!

Prepararsi all’imprevedibilità.

Prepararsi all’imprevedibilità.

Dalla puntata del 16 giugno 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Continuano le piogge ed è ormai conclamata un’altra stagione “anomala” per precipitazione...

Ancora ambrosia, ma non quella che ci piace.

Ancora ambrosia, ma non quella che ci piace.

Dalla puntata del 02 giugno 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Già qualche anno fa abbiamo affrontato il tema dell’ambrosia, non il nettare divino ma quella...