Piccoli orti in famiglia: fiori in casa e sul balcone

2.04.2022

  altri articoli

Fiori in casa e sul balcone

Di Vittorio Brusa Articolo pubblicato su Il Piccolo

Che la primavera è arrivata ormai lo sappiamo. In questi giorni ha anche iniziato timidamente a piovere, dopo tre mesi davvero aridi. Dato che le attività nell’orto sono ancora ridotte dedichiamo qualche parola alla coltivazione dei fiori in casa e sul balcone.

Colori, profumi e senso di pace. Ci sono molti fiori che richiedono davvero poco sforzo e possono dare grandi soddisfazioni.

Chi non è ancora esperto di piante può iniziare dai semplici bulbi che devono essere piantati in questi giorni per fiorire poi d’estate: ciclamini, dalie, peonie, anemoni, gladioli, lilium, begonie e calle sono solo alcune fra le specie più comuni.

La coltivazione è molto semplice: è sufficiente porre i bulbi nel terreno a una profondità pari al doppio della loro altezza (con la parte più stretta verso l’alto) e annaffiarli regolarmente soprattutto nelle giornate calde.

Se vogliamo coltivarli in vaso sul terrazzo, scegliamo un contenitore abbastanza profondo: dal bulbo, infatti, nascono radici che vanno in profondità per trovare terreno più fresco e umido rispetto a quello superficiale.

Per ottenere il massimo della resa è bene utilizzare un terriccio apposito per piante da fiore, ma andrà benissimo anche un terriccio normale arricchito con un po’ di concime organico (letame maturo, compost o stallatico) e mescolato con della sabbia per favorire il drenaggio dell’acqua in eccesso.

La maggior parte delle piante da fiore richiede un’esposizione soleggiata per fiorire pienamente, ma se le coltiviamo in casa o il nostro balcone è ombreggiato possiamo optare per specie come la begonia e la clivia che non amano la luce diretta.

La scelta di forme e i colori è vastissima, quindi bisogna informarsi bene sul portamento di ogni specie: dalie alte, gigli e gladioli faranno un lungo stelo prima di fiorire, quindi sarà opportuno piantarli in un vaso appoggiato a terra e dotarli di un tutore; se invece cerchiamo delle piante di taglia più ridotta per i vasi appesi alla ringhiera sarà meglio optare per begonie, ciclamini o dalie nane.

Naturalmente, piantando i bulbi tra marzo e aprile le piante si svilupperanno nelle settimane successive e fioriranno tra giugno e agosto in base alla varietà.

Se invece vogliamo dei bei fiori già in primavera -tulipani, narcisi e muscari- dovremo piantarne i bulbi in autunno – o in alternativa comprare delle piante già fiorite in vivaio, ma non dà lo stesso gusto!

 

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Piccoli orti in famiglia: con l’aiuto delle api

Con l’aiuto delle api Di Daniela Peresson - Articolo pubblicato su Il Piccolo Nell’orto è ormai arrivato il tempo, per i ritardatari che non lo avessero ancora fatto, di portare a conclusione la messa a dimora delle orticole estive: zucchine, cetrioli, angurie, meloni...

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta

Lo scaricabarile tossico di Syngenta Di Luca Colombo, Firab Articolo pubblicato su numero XIX/2022 de L’Extraterrestre (Settimanale Ecologista del Manifesto) Era il 2007 quando la Fao organizzò una conferenza internazionale sull’agricoltura biologica nel contesto...

Sovesci: è ora di terminarli

Sovesci: è ora di terminarli

Dalla puntata dell’8 maggio 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l'intera puntata del programma. Dopo quel che qualunque friulano chiamerebbe “tanto tontonare” da queste lunghezze d’onda...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi