Si può salvare capra e cavoli?

11.04.2022

  altri articoli

Dalla puntata del 10 aprile 2022 di Vita nei Campi, di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l’intervento di Cristina Micheloni. Qui puoi sentire l’intera puntata del programma.

Si può continuare a fare della zootecnia senza bruciarci il pianeta?

Nell’ emergenza della situazione in cui si trovano gli allevatori nostrani è ragionevole pensare a misure di sostegno al reddito, di ricerca di materie prime per mangimi meno legate ai mercati e ai prezzi globali. Detto in altro modo: facciamo tutto quello che si può per scongiurare la chiusura di altre stalle friulane.

Però a nulla varrebbe salvarle oggi per chiuderle domani o per lasciarle aperte su un pianeta in fiamme.

E’ più che mai il momento, dunque, per ragionare su una zootecnia diversa e il recentissimo report dell’IPES-Food (il panel internazionale di esperti indipendenti che da quasi 10 anni dà forma ai dibattiti più avanzati sulla scena dei sistemi agro-alimentari) ci offre non pochi utili spunti (consultabile qui: https://ipes-food.org/reports/). Il titolo è The policy of protein: Examining claims about livestock, fish, ‘alternative proteins’ & sustainability.

Spunto 1 – non si può risolvere davvero il problema guardando ad un fattore alla volta: c’è la questione delle emissioni climalteranti, ma anche la perdita di fertilità dei suoli, il declino di biodiversità, la competizione sull’ acqua, il costo dell’energia, l’antbioticoresistenza e le patologie che ci arrivano dagli animali selvatici attraverso quelli allevati, i problemi di alimentazione di miliardi di persone ma anche la loro salute, guardando soprattutto alle popolazioni che stanno velocemente invecchiando. Tutto si traduce in costi. Non ha senso tentare di risolvere goffamente uno solo dei problemi, di solito il più urgente o quello che si percepisce come più urgente. O si cerca una via che faccia fronte a tutto ed abbia un orizzonte lungo o perdiamo tempo. Ora ci concentriamo sull’emergenza dettata dal costo del mais piuttosto che dell’energia… ma risolto quello prepariamoci alle successive crisi.

Spunto 2 – i prodotti alimentari non possono costare troppo poco, perchè il conto lo salda qualcuno o qualcosa d’altro… gli agricoltori sottopagati, l’ambiente, il benessere animale, il clima… Dove invece si può fare economia è nella scelta e combinazione degli alimenti. Esempio: se aumento la percentuale di vegetali nella dieta posso permettermi di mangiare anche della carne di buona qualità e prezzo più elevato. Se compero la verdura di stagione, bio e del paese accanto al mio tutto il valore rimane nella comunità e non si sperpera in packaging, frigoriferi e camion.

Spunto 3 – a livello globale la produzione zootecnica deve diminuire, non c’è storia. Ma non significa che debba sparire, anzi. Come fa a diventare più “leggera” sul pianeta? Più foraggere… pascoli ma non solo. Ritornando alla nostra regione, più che i 5000 ha di aree di interesse ecologico rimesse a coltura, forse dovremmo mettere a valore le decine di migliaia di ettari caduti in abbandono nell’ area collinare, pedemontana e montana, dove le foraggere darebbero buone soddisfazioni senza chiedere granchè in termini di concimi, acqua ed energia.

Spunto 4 – usiamo tutta la conoscenza disponibile e soprattutto intrecciamo i saperi. Benvengano anche gli strumenti digitali ma, appunto, sono strumenti e senza una visione ed una conoscenza ampia sono di poco aiuto. 

Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Prima Puntata)

Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Prima Puntata)

di Loretta Cogoi Articolo pubblicato su Il Piccolo del 16/09/2022   Passeggiando lungo le strade di città o mentre siamo in coda al semaforo può capitare, alzando gli occhi verso un balcone o un terrazzo, di venire attratti da una macchia di colore o da una...

Piccoli orti in famiglia: Fragole (seconda puntata)

Piccoli orti in famiglia: Fragole (seconda puntata)

di Daniela Peresson Articolo pubblicato su Il Piccolo del 19/08/2022 Riprendiamo la descrizione di come realizzare nell’orto o in giardino una piccola aiuola nella quale mettere a dimora delle piante di fragola. Ma quante? Ricordiamo che il primo anno una piantina può...

FORMAZIONE IN CAMPO – Visita In Azienda

FORMAZIONE IN CAMPO – Visita In Azienda

12 Ottobre 2022 Dalle ore 9:00 Presso l'Azienda Agricola "Ecoqua" via Paludo 20, Poincicco di Zoppola (PN) ORTICOLTURA BIOLOGICA Agronomia e mercato in un clima che cambia Incontro tecnico in azienda per approfondire gli aspetti agronomici ed economici...