Dimmi che terrazzo hai e ti dirò chi sei! (Seconda Puntata)

14.10.2022

  altri articoli

Di Loretta Cogoi

Nei rari momenti in cui ci permettiamo una tranquilla passeggiata in città o siamo in attesa al semaforo, capita di alzare gli occhi verso un balcone, o un terrazzo e rimanere colpiti, piacevolmente o meno, da quello che vediamo spuntare.  E dopo aver apprezzato o disapprovato, ci chiediamo: ma lì chi ci abita, chi cura quel terrazzo?

 

Il terrazzo del perfezionista  

Il perfezionista “arreda” il terrazzo con profusione di piante in contenitori alla moda normalmente dotati di impianto di irrigazione. La scelta, la coltivazione e la cura delle piante sono un fatto secondario, il risultato ricercato è una massa ordinata, composta e attraente, quasi un prolungamento dell’arredamento della sua abitazione.

Qui il margine di errore viene ridotto al minimo, impianti e sostituzioni di esemplari non conformi vengono eseguiti da personale specializzato, i vegetali vengono scelti per le loro caratteristiche estetiche e di robustezza, non c’è spazio per l’improvvisazione o per l’estro del momento. 

Le piante, fertilizzate a scadenza fissa, irrigate dall’impianto secondo la stagione, diremmo ben pasciute, non fanno a tempo ad emettere nuovi germogli che il giardiniere incaricato le pota nuovamente, affinché il progetto originario mantenga inalterate nel tempo le sue caratteristiche. 

In effetti il balcone del perfezionista è nato e concepito sulla carta, forme e dimensioni sono state valutate a tavolino con un professionista del settore, la cura viene delegata, per contratto, ad esperti giardinieri e nessuna di queste persone frugherà mai fra la vegetazione per scoprire un piccolo fiore o una coccinella a primavera. Il perfezionista, lo ignora, ma ha il pollice grigio scuro.

 

Il terrazzo di chi non ha tempo

I terrazzi che non notiamo quasi mai, quelli che non hanno neppure un geranio fiorito sono quelli dei “senza tempo”. Il senza tempo conduce una vita indaffarata, fuori casa, il terrazzo lo usa solo per custodire la scopa e organizzare la raccolta differenziata. Potrebbe capitare di scorgere, sul suo terrazzo, l’abete di Natale a primavera inoltrata, abete rigorosamente sintetico. La coltivazione di una qualsiasi specie vegetale non lo interessa, non subisce il fascino di una primula a fine inverno o l’allegria di una petunia estiva. L’unica eccezione, alla sua indifferenza, è rappresentata dal basilico. Il senza tempo coltiva il basilico, per usi culinari, sul lavello della cucina, e appena le foglie ingialliscono e avvizziscono prontamente lo sostituisce. Il senza tempo ha il pollice nero e sa di averlo.

 

Gli spazi in vista delle nostre case e il verde che vi alloggia sono come un biglietto da visita con l’impronta digitale del nostro pollice. 

E tu che pollice hai?

 

Ecco a voi il farro: caratteristiche, proprietà e …

Ecco a voi il farro: caratteristiche, proprietà e …

Dalla puntata del 20 novembre 2022 di Vita nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Cliccando QUI puoi ascoltare la puntata per intero. Cristina Micheloni, presidente AIAB FVG, nel suo consueto intervento a Vita nei Campi...

LE AROMATICHE LILIACEE

LE AROMATICHE LILIACEE

Di Daniela Peresson LE AROMATICHE LILIACEE Appartengono a questa famiglia alcune tra le più importanti specie orticole, preziose sia per aromatizzare le pietanze che per le funzioni medicamentose che possiedono; le più conosciute ed utilizzate sono: aglio, cipolla,...