Ancora una giornata mondiale del suolo …

4.12.2022

  altri articoli

Dalla puntata del 04 dicembre 2022 di Vita nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l’intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare la puntata per intero.

Cristina Micheloni, presidente AIAB FVG, nel suo consueto intervento a Vita nei Campi ci parla del suolo.

Gli anni passano le giornate celebrative della biodiversità, dei nonni, dell’acqua, della dieta mediterranea e pure del suolo si succedono anno dopo anno ma non sembrano scalfire le nostre cattive abitudini.
Ma riproviamoci con il suolo, che si celebra il 5 dicembre, visto che da esso dipende tutto il nostro cibo, ma anche tanto altro, come l’acqua pulita, un buon quarto della biodiversità terrestre, il riciclo di tutti i nutrienti che servono alle piante (e a noi di conseguenza), lo stoccaggio di quantità immani di carbonio e quindi la capacità di attenuare il cambiamento climatico e continuare ad avere delle possibilità di presenza umana sul pianeta. Ma come possiamo essere meno stolti e celebrarlo ogni giorno??
Diciamo subito che le piante sono assai più generose di noi con il suolo, solo un dato: come sapete le piante fanno la fotosintesi, ovvero trasformano l’energia solare in zucchero (a differenza di noi che non ne siamo capaci e quindi dobbiamo mangiare, direttamente o indirettamente proprio loro, le piante). Tale processo per le piante è un lavorone ma è loro necessario per costruire, mantenere ed incrementare i propri tessuti ed organi, ovvero le foglie, il legno, i fiori, i frutti, i semi e le radici. Ebbene dopo tutta la fatica che le piante fanno per produrre zucchero ne lasciano dal 20 al 40% nel terreno per alimentare i microrganismi che ci vivono e che con loro collaborano (generose sì, ma non lo fanno senza convenienza e lungimiranza).
Gli animali al suolo donano le proprie deiezioni e le proprie spoglie, ma soprattutto non lo danneggiano, essendo in qualche modo istintivamente consapevoli di dipendere da esso.
Questo vale per gli animali selvatici e quelli allevati in modo estensivo, per quelli degli allevamenti intensivi la cosa cambia, ma la responsabilità non è degli animali ma degli umani.
E gli umani? Beh, quelli degli ultimi secoli ne hanno cementificato una buona parte: nel 2021, in Italia, la cementificazione ha raggiunto il tasso più elevato dell’ultimo decennio, più di 2 metri 2 al secondo, ovvero quasi 70 km 2 di nuove coperture artificiali. Il che ci porta ad un totale di 7,13% della superficie nazionale coperta da cemento a fronte di una media Ue del 4,2%. Ma noi friulani siamo più virtuosi dei connazionali? Mica tanto!
Arriviamo a percentuali dall’8 al 15% di suolo consumato, ovviamente con picchi più elevati in pianura e in prossimità dei centri urbani maggiori. Cosa incomprensibile data la bassa densità di popolazione, ovvero più di 650m 2 ad abitante in quasi tutti i comuni della Regione. La popolosa Lombardia sta in media sui sotto in 400m 2 , il ricco Veneto anche.
Ma almeno quello su cui non costruiamo niente lo trattiamo bene? Anche su questo non vi dirò nulla di nuovo: a partir dall’aver disboscato buona parte della regione (per la pianura cosa che risale a ben più addietro degli ultimi secoli), cosa che ha esposto il suolo all’erosione, all’ossidazione e conseguente perdita di sostanza organica ed altrettanto conseguente emissione di carbonio in atmosfera, per arrivare all’aratura e all’utilizzo di fertilizzanti di sintesi, erbicidi e fitofarmaci che hanno profondamente alterato l’equilibrio di quella miriadi di organismi che abita nel suolo, lo mantiene vivo e sano e lo continua a costruire, e continuiamo così.
Visto che nemmeno in termini di deiezioni o spoglie siamo così utili al suolo, anzi entrambe sono qualcosa da smaltire con cautela e non fonte di fertilità, diciamo che potremmo almeno prendere con decisione la via dell’agricoltura che riduce le lavorazioni, tiene coperto il suolo il più possibile e usa fertilizzanti organici. Va da sè che se facciamo tutto questo ma continuiamo a spargere diserbanti e liquami con una bella dove si antibiotici…. il gioco non regge!
Ma diamoci un’altra possibilità, proviamo non solo a capire ma anche ad agire di conseguenza, come sempre conoscenza significa responsabilità e potete cominciare col
partecipare al webinar di AIAB FVG dedicato proprio al suolo che si terrà, proprio il 5 dicembre alle 17:00.

 

Settimana di pioggia e di terra

Settimana di pioggia e di terra

Dalla puntata del 19 maggio 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. La settimana che si va chiudendo ci ha costretti a confrontarci con una quantità ed intensità di...

Aree di servizio … biologico

Aree di servizio … biologico

Dalla puntata del 05 maggio 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Di questi tempi in cui le “emergenziali” decisioni comunitarie hanno spazzato via quel minimo di...

Peronospora: giochiamo d’astuzia

Peronospora: giochiamo d’astuzia

Dalla puntata del 21 aprile 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Con le calde giornate di cui abbiamo goduto fino ad inizio settimana, con temperature ben al di...