IN TAVOLA CON LA ZUCCA!!!

19.12.2022

  altri articoli

Di Peresson Daniela

IN TAVOLA CON LA ZUCCA

Il riposo invernale dell’orto ci permette di approfondire tematiche che riguardano gli ortaggi anche se non strettamente legate alle tecniche e modalità di coltivazione di cui solitamente ci occupiamo.
Ritorniamo quindi alla zucca, splendido ortaggio che grazie al suo colore e sapore è gradito a grandi e piccoli consumatori, per descriverne aspetti nutrizionali e modalità di preparazione.
Molto spesso è la caratteristica e consistente buccia che smorza le intenzioni culinarie di molti, ma superato questo ostacolo (la cottura al forno ad es. non richiede la sua eliminazione), la colorata polpa è disponibile per moltissime preparazioni. Vogliamo proporre e spingere al consumo di questo ortaggio anche perché le condizioni climatiche siccitose di quest’estate hanno portato a maturazione, nelle aziende biologiche, frutti dalla consistenza e dal sapore irresistibile, che saranno disponibili per tutto l’inverno!
Per quanto riguarda il suo valore nutrizionale la zucca contiene una maggiore quantità di zuccheri rispetto alla zucchina estiva, è ricca in carotenoidi (provitamina A) come tutti i frutti dall’intenso colore arancio, carboidrati complessi (fibre), sali minerali e vitamine del gruppo B.
Per chi voglia mettersi in cucina, sono abbondanti i riferimenti storici, dalle ricette del noto libro “Mangiare e bere friulano” della contessa Giuseppina Perusini Antonini, a quelle contenute nella “Nuova e vecchia cucina di Carnia” di Gianni Cosetti. Con una panoramica nei diversi tempi e metodi di preparazione dalla zucca, speriamo di spingere ad un utilizzo che può protrarsi a lungo, grazie alla durata di conservazione di diversi mesi di questo frutto.
Riso con la zucca (PERUSINI ANTONINI 1976): la polpa a quadretti cotta in poca acqua e poi setacciata viene aggiunta in un tegame a burro e cipolla, e a seguire acqua, latte o brodo bollente a cui aggiungere il riso mescolando fino a cottura.

Jote di cavoce (ARTICO 1985): alla zucca cotta in poca acqua e setacciata si aggiunge latte ed acqua in parti uguali e, a bollore, farina di mais e un po’; di farina di frumento mescolate senza formare grumi.
Zuf (SPAGNOLO 1984): zucca lessata e schiacciata in acqua, ad ebollizione si lascia cadere a pioggia farina di mais fino a raggiungere una consistenza cremosa; versato nei piatti bollente, il zuf si copre con un velo di latte appena munto…
Gnocchi di zucca (COSETTI 1993): alla zucca sbucciata e cotta al vapore, setacciata e lasciata raffreddare, si aggiunge uovo e farina mescolando energicamente per ottenere un impasto omogeneo; si formano gli gnocchi con il cucchiaio da immergere direttamente in acqua bollente e una volta a galla servire con burro, salvia e ricotta affumicata.
Pane di zucca (PERESSON 2022): nella zucca tiepida cotta al vapore e setacciata si scioglie il lievito di birra e qualche cucchiaio di zucchero, si aggiunge farina di frumento tipo 0 e acqua di cottura della zucca, se necessaria, fino a formare un impasto omogeneo; dopo una lievitazione di 2-3 ore si aggiungono all’impasto le uvette, si formano i panetti che dopo ulteriore lievitazione saranno infornati a 200°C per circa 20 minuti.

 

ISMEA: FINANZIAMENTI AI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

ISMEA: FINANZIAMENTI AI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

ISMEA promuove nuovi interventi fondiari dedicati ai giovani tramite la Misura Generazione terra. La misura è finalizzata a favorire lo sviluppo e il consolidamento di superfici condotte nell’ambito di una attività imprenditoriale agricola o l’avvio di una nuova...

E’ L’ORA DI FAVE E LENTICCHIE!

E’ L’ORA DI FAVE E LENTICCHIE!

Dalla puntata del 29 gennaio 2023 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata.   Ok, basta transitare, proviamo a seminare. Che cosa? Legumi, ovviamente, visto che...