IL VOLO DEL CARDO

21.02.2023

  altri articoli

di Andrea Giubilato – AIAB FVG

Articolo pubblicato sul Piccolo il 17.02.2023

Al solo sentire nominare il cardo il pensiero va al suo carattere spinoso e al dolore che ne deriva nel caso in cui ci sia capitato di accarezzarne una foglia. Oggi però non parliamo del cardo selvatico, ma di quello coltivato, cioè “addomesticato”, dove le spine si sono ridotte a favore delle foglie che sono la parte utilizzata in cucina. È il progenitore del più conosciuto carciofo con cui condivide la stessa area di origine, quella del mediterraneo. Anche il nome scientifico è condiviso e richiama un certo liquore digestivo, Cynara cardunculus; per distinguerli ci aiuta la varietà: il cardo padre è varietà sylvestris, mentre il figlio carciofo è scolymus.
Le dimensioni della pianta sono notevoli e possono variare da 0,4 a 3m, in natura il cardo è perenne, vizio che mantiene anche da coltivato ricacciando germogli da delle gemme situate alla base del fusto, anche dopo essere stato raccolto. La parte che mangiamo è la nervatura mediana della foglia, la “costa” che è bianca, carnosa, gentilmente amarognola e come gusto assomiglia al carciofo, oppure il contrario.
Per produrre un bel cardo bisogna piantarlo presto, deve essere seminato a maggio o trapiantato a metà giugno. La sua crescita è lenta e solo dopo la fine dell’estate raggiunge lo sviluppo fogliare giusto per iniziare il processo di imbianchimento. Tale tecnica ha lo scopo di rendere più tenere e bianche le nervature delle foglie centrali. Si tratta di legare, una volta strette tra di loro, tutte le foglie, meglio se rivestite di materiali che le proteggono totalmente dalla luce, a tale scopo si può usare del cartone o della paglia. Così protetto potrà più facilmente resistere alle brinate invernali, in modo da poter allungare, fino a tutto febbraio, il suo periodo di raccolta. Qualcuno, una volta chiuso, lo scalza con un po’ di radice e terra e lo interra in solchi scavati nel terreno sempre allo scopo di imbiancarlo e intenerirlo . Con il passare del tempo, perdendo parte dell’acqua si affloscerà e prenderà la tipica curvatura da cui il nome di “cardo gobbo”. Ma la parte più affascinante dei cardi sono i semi, quelli che si formano dopo le vistose, e apprezzate dagli insetti pronubi, infiorescenze organizzate in mega capolini. Il seme, chiamato achenio, di forma ovoidale e di colore marroncino, assomiglia a quello del tarassaco, quello che da bambini giocavamo a far volare in aria con un solo soffio tenendo stretto il gambo porta fiore. In questo caso il seme con il suo paracadute è dieci volte più grande e con capacità di volare per chilometri e chilometri. Tanto è, che quando l’Europa era stretta dai ghiacci, migliaia di anni fa, il cardo selvatico è migrato in nord Africa dove il clima era temperato. Poi allo sciogliersi dei ghiacci è ritornato a frequentare i nostri luoghi, forse gli è bastato prendere una corrente ascensionale e lasciarsi trasportare superando anche i mari per cadere in terra e poi germinare. Un volo antico e per ora a noi umani negato, ad emissioni zero di anidride carbonica.

Settimana di pioggia e di terra

Settimana di pioggia e di terra

Dalla puntata del 19 maggio 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. La settimana che si va chiudendo ci ha costretti a confrontarci con una quantità ed intensità di...

Aree di servizio … biologico

Aree di servizio … biologico

Dalla puntata del 05 maggio 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Di questi tempi in cui le “emergenziali” decisioni comunitarie hanno spazzato via quel minimo di...

Peronospora: giochiamo d’astuzia

Peronospora: giochiamo d’astuzia

Dalla puntata del 21 aprile 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Con le calde giornate di cui abbiamo goduto fino ad inizio settimana, con temperature ben al di...