Prepararsi all’imprevedibilità.

17.06.2024

  altri articoli

Dalla puntata del 16 giugno 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l’intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l’intera puntata.
Continuano le piogge ed è ormai conclamata un’altra stagione “anomala” per precipitazione abbondanti ed intense, dopo un 2022 di siccità estrema, un 2023 caldo e piovoso ( non sempre) con eventi meteo estremi. Se ormai gli scettici del cambiamento climatico sono rimasti pochi, è ancora difficile accettare che il tratto principale del cambiamento è l’imprevedibilità e prepararvisi non è questione facile.
Vista dalla prospettiva di chi fa il contadino significa decidere che cosa seminare/piantare/coltivare senza avere temperature o precipitazioni medie cui fare riferimento, cosa che comprensibilmente provoca non solo incertezza ma estrema frustrazione. Vero che ci sono i fondi per le emergenze e che le assicurazioni si stanno diffondendo anche in agricoltura, però….perdere il raccolto o non riuscire a fare i lavori come si dovrebbe non predispone all’ottimismo, non è un bel lavorare e la sostenibilità economica dell’azienda è appesa a un filo, pure sottile!
Per andare al concreto di queste settimane: che cosa fare se non si è riusciti a seminare le colture primaverili-estive a causa delle piogge e ci andranno ancora un bel po’ di giorni prima che il terreno si asciughi a sufficienza per poter entrare in campo? Per il girasole ormai i tempi sono scaduti, per il mais anche, a meno che non si pensi a qualche varietà a ciclo breve per uso alimentare. La soia è la coltura più flessibile in termini di data di semina, quindi ce la si fa ancora e con buon agio. Però per molti sarebbe la stessa scelta dello scorso anno e probabilmente anche di quello precedente e, al di là dell’incompatibilità con le normative del bio, la monocoltura di soia senza rotazione costruisce non pochi problemi fitosanitari e seleziona le erbe infestanti più complesse da gestire. Ci sarebbero anche altre colture da considerare, ad esempio di sorgo, che può ben sostituire il mais nelle razioni di polli, suini e bovini. È assai più semplice da coltivare, meno esigente e più flessibile in termini di data di semine, detto in altro modo “ce la possiamo ancora fare a seminarlo”. Il problema del sorgo è però che o ve lo usate nel vostro allevamento o non si trova chi se lo comperi! Intendo che mancano centri raccolta, stoccatori o mangimisti con la mentalità flessibile quanto quella del sorgo e che comprendano come se l’agricoltore deve adattare le proprie pratiche di conseguenza al clima che cambia, pure il sistema agro-alimentare dovrebbe andare di pari passo e adeguarsi. Il peso dell’incertezza e delle difficoltà nel fare agricoltura in un clima imprevedibile rimangono invece solo sulle spalle degli agricoltori. Ci sono anche altre colture last minute come il grano saraceno o il miglio o qualche legume da granella estivo come le varie vigne (fagiolo dall’occhio, fagiolo mungo ecc) o anche il fagiolo classico, il borlotto, però qui la coltivazione è un po’ più complessa, o meglio richiede delle attenzioni in più. Inoltre il successo produttivo è legato all’andamento meteo dei mesi a venire: se ci sarà un’estate asciutta e un bell’autunno non piovoso va tutto bene, se re-inizia a piovere a settembre il risultato è a rischio. Per il fagiolo poi le temperature in fioritura, se troppo alte, sono un fattore critico. Di nuovo quindi incertezza climatica e, come per il sorgo, difficoltà a trovare, dopo la fatica di coltivare e raccogliere, chi possa essiccare, pulire, selezionare, conservare e…. pagare adeguatamente! Vero che si può sempre far da sè, e c’è chi lo fa, però non è lavoro da tutti.
Se da un lato diversificare in agricoltura è più che mai obbligatorio, dall’altro tutte le strutture che operano nel post-raccolta non sono affatto pronte a collaborare con gli agricoltori che sono disposti a farlo. Qualcosa di simile si deve dire anche per la maggior parte dei consumatori, che fa fatica a rivedere le proprie abitudini, a imparare a leggere le etichette, almeno per la provenienza, e a comprendere che spendere troppo poco nel cibo significa che il conto lo salda poi comunque, con la salute, la qualità dell’ambiente in cui vive, il benessere proprio e delle persone che vivono nella stessa comunità o in comunità lontane, le condizioni di vita degli animali allevati.
Perché non fare il compost?

Perché non fare il compost?

Dalla puntata del 14 luglio 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Cari ortolani, vagando tra strade secondarie, campagna e montagna noto con piacere che dal COVID...

Colture di servizio.

Colture di servizio.

Dalla puntata del 30 giugno 2024 di Vita Nei Campi di Rai Radio 1 del Friuli Venezia Giulia, l'intervento di Cristina Micheloni. Clicca QUI per ascoltare l'intera puntata. Un concetto per alcuni nuovo, magari solo nella terminologia: colture di servizio. Si tratta di...

Promozione di filiere frutticole biologiche nell’Amazzonia peruviana

Promozione di filiere frutticole biologiche nell’Amazzonia peruviana

Pur in un quadro internazionale incerto e con una situazione politica nazionale ancora instabile uscita dalle ultime elezioni, vi è una prospettiva di una ripresa successiva alla fase pandemica acuta. In Perù, l’orientamento è stato a non recuperare l’esistente, ma a...